Introduction

La Buona Novella Bibel 2017

Seit ihrem Erscheinen im Jahr 2009 erfreut sich die Ausgabe 2009 grosser Beliebtheit als Lesebibel, aber auch als F.C. Thompson Studienausgabe und als Studienbibel mit Konkordanz. Und doch erscheint uns die 500. Wiederkehr des Wittenberger Thesenanschlags durch Martin Luther so bedeutend, dass eine besondere Bibelausgabe aus diesem Anlass sinnvoll ist. Zumal es keine Lutherbibel mehr gibt, die auf dem Text von Erasmus von Rotterdam, dem „Textus Receptus“, als Urtext basiert, den Luther und die anderen Reformatoren benutzten. Bei der erneuten Durchsicht des Textes 2009 wurden absichtlich einige Lutherausdrücke aus dem Text vom 1912 wieder übernommen. Hinweise neuerer Forschung und berechtigte Textänderungen wurden geprüft und ggf. berücksichtigt. So entstand diese Neuausgabe unter dem Titel La Buona Novella Bibel 2017.

Das Anliegen der Herausgeber bleibt die Verständlichkeit für heutige Leser. In einer immer komplexeren, globalisierten Welt ist deshalb das Reformationsjubiläum ein guter Anlass, die Bibel zu lesen und persönliche Orientierung und Hilfe für ein Leben im 21. Jahrhundert zu finden und möglicherweise eine „persönliche Reformation“ zu erleben.

Link to La Buona Novella Bibel


Luther21

You may ask the question, what makes this Bible translation different from others? And why at all do we need another version of the Bible?

A first answer is: Because spoken language is a living entity, which changes, and the meaning of certain words and expressions may change over time. This is one reason why already Martin Luther, when he translated the New Testament from Greek to German in 1522, tried to use the language commonly spoken and understood by the people of his day. In 1534, the first edition of the whole Bible appeared in German and now everyone so able could read the Word of God in his mother tongue. Many folks even learned reading with the help of Luther's Bible! Its powerful language formulations have had a lasting effect on the further development of the German language, culture and education. The principle of intelligibility used by Luther was also for this current edition a guiding principle in updating the text to modern usage.

Another spect was of equal importance: Many believers have had the wish to be able to use a Bible translation in the 21st century which is based on the original Greek texts that were used by the reformers. In modern and understandable language, and yet as close as possible to the original. The Greek textus receptus (TR) formed the basis of the Luther Bible in German speaking countries till 1912, as it did for the King James Version in the anglo-saxon world. Towards the end of the 19th and beginning of the 20th century, many Bible translations started to deviate from this tradition, due to reason connected to theological, scientificlinguistic or text critical considerations which put the TR into question.

The Luther21 version is the currently most up-to-date Bible revision of the La Buona Novella publishing house. The text has been linguistically revised, and the layout and logo have also been changed.

Link to Luther21


Luther21 F. C. Thompson Study Bible

The latest edition of the F.C. Thompson Study Bible by La Buona Novella uses the revised text of the Luther21 Bible version. This edition is suited for everyone who wishes to engage more in-depth the content of the Bible. The well-arranged structure and handy format of this Bible edition makes for a pleasant usage.
Additional topical tables were added and the concordance section was enlarged to about 40.000 entries. A new added section is the index of biblical names and their meanings. A special feature of the German edition is its chronological tables, which are unique to La Buona Novella publishers.

Link to Luther21 F. C. Thompson Study Bible


Nuova Diodati 91/03

Questa revisione della Bibbia in lingua italiana è il risultato di un grande desiderio e determinazione di offrire ai credenti, e a chiunque è assetato di verità, uno strumento valido e affidabile per la lettura e studio della Parola di Dio. Questa revisione dovrebbe essere ancora più utile e importante per coloro che sono impegnati in un ministero.
I criteri che hanno guidato questo lavoro di revisione sono:
1. La maggior fedeltà possibile ai testi, nell‘ originale greco per il Nuovo Testamento e nell‘ ebraico per l‘ Antico Testamento.
2. Chiarezza e correttezza nella lingua italiana, nella quale si è cercato di evitare termini arcaici, difficili, ambigui e oscuri.

Per le suddette ragioni sono state messe in corsivo tutte le espressioni, parole, articoli e proposizioni non contenute nel testo originale greco ed ebraico, ma ritenute uti-li per rendere più chiaro ed esplicito il significato del testo.
A questo proposito ci teniamo a precisare che tutti i titoli in grassetto dei capitoli o frazioni di capitolo e dei Salmi stessi, tanto nell‘ Antico che nel Nuovo Testamento, non sono contenuti nel testo originale ebraico e greco, ma sono aggiunti e hanno lo scopo di indicare il soggetto o il contenuto, sovente in modo selettivo e non esauriente, dei vari capitoli o frazioni di capitolo.
Inoltre per facilitare il controllo di passi paralleli si é pensato bene di mettere i vari riferimenti subito dopo il versetto (vedi pagina esplicativa pg. IX).
Il testo usato è il „Textus Receptus“, quello sostanzialmente seguito dal Dr. Giovanni Diodati e in seguito pure dai traduttori della „King James Version“, la versione della Bibbia che ha avuto maggior uso e diffusione nel mondo inglese.
I nomi di „Dio“ e „Iddio“ nella Diodati sono usati alternativamente più per ragioni di assonanza che per ragioni inerenti al testo originale. Abbiamo perciò ritenuto opportuno adottare un criterio di maggiore chiarezza tanto per l‘ Antico che per il Nuovo Testamento. In questo modo, ogni volta che in italiano viene usato un nome di Dio, è perché vi è una corrispondenza di un particolare nome di Dio tanto nel testo ebraico che greco.
Così per l‘ Antico Testamento abbiamo usato i seguenti nomi:

– Dio, che rende il termine ebraico Elohîm.
– Dio rende invece i termini ebraice Elôah, Êl e Êlahh (aramaico, in Esdra e in Daniele).
– Eterno rende i termini ebraici Yahweh (o Jehôvih, Jehôvâh) o Yah.
– Signore rende il termine ebraico Adônâi, che letteralmente significa mio Signore.

Per il Nuovo Testamento i nomi più importanti di Dio sono tre:

– Dio che rende il termine greco Theos.
– Signore rende il termine greco Kurios.
– Gesú rende il termine greco Iesous, che letteralemente significa Yahweh (o Jehôvâh) o Dio salva.

Link per la Nuova Diodati 91/03


Nuova Diodati 91/03 Thompson

Più di un secolo fa, intorno al 1890, un povero predicatore della zona di New York cominciò a scrivere delle note agli ampi margini della sua Bibbia. Lui credeva che la Scrittura dovesse interpretare se stessa, così spese più di quarant‘ anni collegando versi che si riferivano a topici che erano oggetto della sua predicazione, quali: Speranza, L’amore di Dio.
Alcuni membri della sua chiesa videro ciò che lui aveva annotato nella sua Bibbia e ne rimasero affascinati. Essi spesero ore seguendo la catena dei versi riferiti ad un topico. Alla fine, nel 1908, i membri della chiesa decisero di stampare le note che il predicatore aveva scritto su quella Bibbia ormai logorata.
Il nome del predicatore era Dr. Thompson e la Bibbia venne chiamata Chain-Reference Bible (che significa: Bibbia con catena di riferimenti).
Così, dal 1908, sepre più persone hanno scoperto da se stesse la profondità della catena di riferimenti e delle note del Dr. Thompson, tanto che la Bibbia divenne nota come La Thompson Chain-reference Bibbia da Studio (The Thompson Chain-Reference Study Bible).
Per primo, B. B. Kirkbride, un venditore ambulante di Bibbie, attraversò le regioni rurali sul suo cavallo, al quale era legata una carrozza, consegnando le Bibbie da studio Thompson fatte a mano e che avevano una copertina in pelle. Nel 1915, lui impiegò una segretaria e prese in affitto un ufficio con una sola stanza nella città di Indianapolis. Tutto questo, per cercare di far fonte alle richieste che riceveva.

La Bibbia da Studio La Nuova Diodati Thompson contiene la catena die riferimenti che il Dr. Thompson scrisse ai margini della sua Bibbia più di un secolo fa. Queste sono state ristrutturate per rendere più semplice la consultazione dei versi di un topico.
Noi abbiamo inserito delle intressanti note su scoperte archeologiche vicino ai passi biblici di attinenza. Abbiamo anche compilato, per ogni libro della Bibbia, una pagina introduttiva che riporta alcuni approfondimenti del Dr. Thompson. In altre parole, abbiamo preso gli approfondimenti chiave del Dr. Thompson, contenuti nella Thompson Chain-reference Study Bible, e li abbiamo presentati in un formato nuovo e facile da consultare.

Link per la Nuova Diodati 91/03 Thompson